La democrazia spiegata da un bambino

Conversazione captata in autobus tra una mamma e un bambino

di seconda elementare.

-Mamma, ma perchè tutte quelle persone oggi erano arrabbiate e urlavano?

– Ti ricordi quando avete eletto Mirko capoclasse?

– Si.

– Ecco, in Italia c’è un grande capoclasse di tutte le classi e tanti piccoli capoclassi di ogni classe. Oggi tutti i capoclassi piccoli si riunivano per dichiarare se hanno fiducia o no nel capoclasse grande. E hanno votato per la fiducia.

– E le persone arrabbiate?

– Le persone arrabbiate sono come gli studenti di ogni classe, che non hanno fiducia nel capoclasse grande e quindi sono arrabbiate con lui e con i capoclassi piccoli.

– E i capoclassi piccoli e quello grande quindi cambiano?

– Purtroppo no. Perchè anche se gli alunni sono arrabbiati, sono i capoclassi a decidere.

– Ma scusa mamma, quando abbiamo scoperto che Mirko aveva rubato i soldi della gita noi l’abbiamo detto alla maestra e lei ci ha fatto eleggere un altro capoclasse e Mirko ha dovuto ridare tutti i soldi. Non dovrebbe funzionare così?

– Eh amore sì, hai ragione. DOVREBBE funzionare così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *