Collutorio naturale fatto in casa

Li ho provato tutti, lo giuro. Non c’è una sola marca di collutorio, da supermercato o da farmacia, che io non abbia comprato. E regolarmente buttato dopo un paio di utilizzi.

Il problema principale era il sapore, troppo forte o troppo dolce o troppo alcolico. Invece di sentire l’alito fresco, quello che sentivo erano le guance e le gengive intorpidite da un sapore troppo forte.

Poi è arrivato il momento di buttare un occhio all’etichetta, dove ho trovato un bel mix di alcool, parabeni, coloranti e conservanti sintetici. Che francamente non mi fanno sentire tanto tranquilla quando li uso per sciacquarmi la bocca.

Quindi ho deciso di prendere la mia classica ricetta anti mal di gola (acqua e bicarbonato) e di vedere come renderla più piacevole e sono finita a compilare decine di ricette! Eccone un pai :

collutorio antibatterico delicato alla gusto fresco: mescolate 200 ml di acqua distillata, o in bottiglia, o acqua di rubinetto bollita con un cucchiaio e mezzo di bicarbonato e 50 ml di aloe vera pura, preferibilmente liquida. Aggiungete circa 8 gocce di olio essenziale di menta piperita e altrettante di olio essenziale di eucalipto e assaggiate: se vi piace un gusto più forte aggiungete altre gocce, due a due. Troppo amaro? aggiungete della stevia liquida o in polvere.

Questo collutorio ha molteplici vantaggi: ovviamente rinfresca la bocca e l’alito, grazie sia all’azione del bicarbonato che assorbe i cattivi odori, sia a quella della menta, che deodora.

Inoltre il bicarbonato aiuta a disinfettare la bocca, riduce eventuali infiammazioni e mantiene il bianco dei denti. L’aloe vera è un toccasana, aiuta a cicatrizzare le piccole ferite della bocca, ostacola la crescita dei batteri e dei funghi. Potete comunque aggiungerla anche ad altre formulazioni di collutorio.

Ci sono un po’ di considerazioni da fare, di cui la prima è la durata:  molti collutori (tra i quali questo che vi ho descritto) possono essere conservati a lungo senza problemi; ma tenete conto che gli oli essenziali continuano a “lavorare” nell’acqua, quindi ad un certo punto il gusto potrebbe cambiare e non essere più gradevole come prima. Una considerazione analoga può essere fatta per il succo di aloe, che da solo ovviamente si conserva meglio rispetto a quello diluito con altri prodotti.

Alcuni consigliano di aggiungere dell’olio essenziale di mirra. Io non ne ho mai avuto bisogno, perché 250 ml si consumano presto usando il collutorio mattina e sera. Sembra superfluo ricordarlo, ma tenete sempre a mente che il collutorio, anche se naturale, va sputato. Niente bibitoni di collutorio!

Usate molta cautela se volete far usare questi collutori ai bambini, o se siete in gravidanza, perché alcuni oli essenziali sono poco indicati per questa condizione particolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *