Bagnoschiuma e sapone liquido fatti in casa, o quasi

Nei mesi passati ho provato diverse ricette per ottenere sapone liquido dalle saponette. Dopo un paio di disastri immani, ho trovato quella che fa per me e che voglio condividere con voi.

Che poi uno dice: ma il bagnoschiuma non potresti comprarlo? Certo che potrei, ma l’idea di aggiungere ulteriori 300-500 grammi alla sporta della spesa che la sera mi accompagna a casa dopo essere passata al supermercato all’uscita dal lavoro non mi arride molto. Meno plastica, meno spreco, ma soprattutto meno peso e meno fatica!

Personalmente amo molto la saponetta, tanto da includerla nella top 10 dei prodotti beauty essenziali che potete leggere qui, ma il Principe Consorte preferisce il bagnoschiuma e il sapone liquido, quindi mettendo insieme le due cose ho deciso di convertire al progetto alcune saponette Dove che avevo in casa da un anno, facenti parte di un mega pacco da sei, o forse addirittura 8, che avevo acquistato in offerta.

Questa ricetta vi permette di ottenere circa un litro e mezzo/due litri di bagnoschiuma o sapone liquido, quindi prima di cominciare assicuratevi di avere sufficienti contenitori nei quali stoccarlo (si sente che parlo per esperienza vissuta, vero?)

Grattate due saponette Dove, del tipo che preferite. Usate pure la grattugia della cucina, tanto è sapone, una bella lavata ed è come nuova.

Mettete sul fuoco una pentola con un litro d’acqua; quando l’acqua comincerà ad essere calda ma prima del bollore, versate le scaglie di sapone.

 

Mescolate fino al completo scioglimento del sapone; ci vorrà un po’, perché il Dove non è come gli altri saponi, per via della sua componente idratante. Se volete accelerare un po’, mescolate con una frusta da cucina (manuale, mi raccomando!) Controllate che non vi rimangano residui, segno che il sapone non è ancora del tutto sciolto.

 

Se mentre mescolate l’acqua arriva a bollore, non preoccupatevi, ma abbassate il fuoco e mescolate con cura sul fondo della pentola, per evitare che il sapone di attacchi. Ripeto, fin quando il sapone non è del tutto sciolto, la vostra missione non è compiuta.

Quando tutto il sapone sarà sciolto spegnete la fiamma e lasciate raffreddare. Anche in questo caso portate pazienza, potrebbero volerci anche un paio d’ore.

 

Trascorso il tempo necessario, travasate tutto e voilà, potete anche procedere con la prima doccia/lavaggio mani/lavaggio viso di prova.

 

Vedrete che la quantità di schiuma e la texture vi lasceranno sicuramente soddisfatte.

Una sola osservazione: come ho già detto, le saponette Dove sono diverse da tutte le altre, perché contengono crema idratante; un litro d’acqua è perfetto per 2 di loro (500ml a saponetta, se volete farne di meno o di più).

Un precedente tentativo con una saponetta idratante di altra marca e stessa quantità di acqua si è rivelato fallimentare. Se usate una saponetta che non contiene idratante, ci vorrà più acqua e della glicerina, altrimenti rischiate di trovarvi in mano una specie di muco che lascia sulle mani una strana sensazione (avete presente le saponette scarse di alcuni hotel? ecco, quella sensazione). Ma questo non significa che non dobbiate sperimentare, anzi!!!

Ormai si trovano saponette di ogni prezzo, compratene qualcuna e provate, se avete voglia di scoprire quale ricetta fa per voi! E poi venite a raccontarla a me e agli altri, nei vostri commenti!!

[NB: le foto originali della ricetta sono andate perse durante il trasferimento dal vecchio al nuovo dominio. Sorry 🙁 ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *