How to get things done? Cominciando a farle!

Sono rimasta molto colpita da questo post di Sara Maternini sulle varie tecniche per organizzarsi e “fare le cose”.

Vengono citate 3 tecniche di diversi autori: chi suggerisce di fare immediatamente le cose che non prendano più di due minuti, chi di suddividere le task in slot da 25 minuti con pause di 7 minuti e via dicendo…una cosa complicatissima!

Io ho sempre pensato che le to-do list siano il MALE.

E nel corso degli anni, vista anche l’implementazione di vari strumenti online ed offline creati per questo scopo, mi sembra che siano diventate un cardine mentale dal quale separarsi diventa impossibile.

Lo sa bene il caro amico Stefigno, che ho più volte preso in giro (vabbè, siamo onesti: cojonato) per la sua mania di ordinare le azioni da compiere, prima di compierle.

Io seguo una tecnica molto più semplice: ci sono delle cose da fare? LE FACCIO!

Sul lavoro come in casa. Quelle più urgenti prima, quelle che possono essere ritardate dopo, ma mai troppo dopo.

Perchè guardate che utilizzare una fetta del proprio tempo per programmare il tempo nel quale fare qualcosa, è di principio una perdita di tempo.

Frase ridondante vero? Ecco, è proprio l’effetto che volevo ottenere.

E’ ovvio che gli appuntamenti vadano segnati se  sono tanti o se non si ha buona memoria, come è ovvio che per lo stesso motivo sarebbe utile fare la lista della spesa, ma ormai quello di scrivere, a volte maniacalmente, tutto è diventato una coperta di Linus, forse anche della nostra pigrizia.

Meno tastiera, meno tools, più carta e penna, ma soprattutto, più azione 😀

C’è poi il caso di chi, senza una lista ordinata che lo riporti come task, non tirerebbe neanche lo sciacquone del water.

Per quelli una soluzione c’è: lasciare che la natura faccia il suo corso; quando si troveranno mucchi di pratiche da sbrigare, mucchi di panni da lavare, mucchi di immondizia da buttare, o traslocano e cambiano lavoro, o si danno una mossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *