La mutanda di Robbie Williams (post inutile, ma sensato)

Oggi i cookies di youtube mi hanno proposto una spolverata neo-vintage con il video di Robbie Williams “Rock DJ”.

Ve lo ricordate? Ve lo racconto io, condito di sociologia femminile da dù soldi (come tutto ciò che viene applicato al femminile!).

C’è il buon Robbie in una pista da pattinaggio piena zeppa di figa.

Non scherzo…la più cessa è una diva che è stata recensita sul national geographic tra le 7 meraviglie del mondo!

Lui fa lo sbruffone, ma non se lo fila nessuno, quindi comincia a spogliarsi.

Idem come sopra, non se lo fila nessuno, sicchè comincia a scuoiarsi fino a rimanere scheletro.

Così acchiappa la DJ topolona della pista di pattinaggio, la quale la vince su tutte.

Risvolto sociologico:

L’ho incontrato due volte Robbie Williams, ed è effettivamente un topolone.

C’ha la panza, come qualsiasi alcolizzato di qualità. E c’ha anche dei tatuaggi orrendi.

Però è un topolone, di certo se ti suona alla porta di casa non è che gliela chiudi in faccia.

Ma già la scelta della mutanda lo eleva di un gradino, e pertanto ho deciso che da stasera ogni uomo degno di tale appellativo dovrebbe avere nel cassetto un paio di mutande con la tigre alla Tigerman, o alla formaggini Tigre.

Ma più che altro è il messaggio del video ad essere chiaro: alle donne devi dare la pelle!

E non credete che sia un refuso eh, birbanti!

Secondo queste fanciulle, il maschio è un pezzo di carne, e si saziano solo quando la arranfano.

Non condivido però ci posso anche stare.

Ovviamente, c’è il risvolto della medaglia:

  1. la donna media non è gnocca come le gnocche a rotelle del video.
  2. L’uomo medio non è generalmente topolo come Robbie Williams.
  3. Fortunatamente, l’uomo medio può, con un ragionevole investimento, ottenere dei tatuaggi mooolto più belli di quelli di Robbie Williams, e per me questo è un bel puntone a favore.
  4. Non ho ancora conosciuto nessun proprietario di tiger mutande.

Ora però vado, che me suonano alla porta! Chi sarà????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *